Piede piatto valgo, una riabilitazione adattata

In caso di piede piatto valgo, la riabilitazione può essere necessaria. Il dott. Julien Lopez effettua un trattamento personalizzato in base alla tua situazione medica.

Il piede piatto valgo è caratterizzato da una perdita di altezza dell'arco longitudinale del piede. Spesso indolore, può tuttavia diventare doloroso e, in alcuni casi, portare a complicazioni.

Nella maggior parte dei casi si tratta di una deformità congenita asintomatica che si risolve con la crescita del bambino. Il piede piatto può anche essere degenerativo, con il tendine che si allenta con l'età o la mancanza di esercizio fisico. Infine, la patologia può essere acquisita in seguito a una lesione traumatica o a un intervento chirurgico al piede.

Negli ultimi due casi, il piede piatto causa disagio nell'indossare le scarpe e nello svolgere le attività quotidiane, un disagio che può peggiorare. Oltre al cedimento dell'arco plantare, il tallone può deviare verso l'esterno, mentre il mesopiede si inclina verso l'interno. Pertanto, in presenza di sintomi, è importante sottoporsi tempestivamente a un trattamento specialistico per limitare il rischio di complicazioni come l'artrosi o la rottura dei tendini del piede. Il dott. Julien Lopez, specialista in chirurgia percutanea del piede piatto, ti proporrà sempre in prima istanza un trattamento non chirurgico per curare la tua patologia.

Riabilitazione del piade piatto valgo: soluzioni ortopediche

La riabilitazione del piede piatto valgo e i plantari ortopedici si sono dimostrati molto efficaci e talvolta consentono di evitare l'intervento chirurgico. Sebbene il dott. Julien Lopez esegua operazioni mininvasive che limitano l’aggressione chirurgica, viene privilegiato in primo luogo un trattamento non chirurgico. Il dottor Lopez effettuerà un esame clinico del piede per determinare se è possibile un trattamento medico. Se il trattamento non ha successo, il dott. Lopez discuterà le opzioni chirurgiche, compresa la chirurgia percutanea del piede piatto.

Le soluzioni ortopediche mirano a ripristinare l'equilibrio del piede mediante una serie di procedure. Inizialmente, la soluzione più frequente è rappresentata dalle ortesi. Le ortesi sono realizzate su misura in base all'impronta del tuo piede, come per esempio dei plantari che sostengono l'arco del piede e il tallone. Con una base in pelle o in schiuma a seconda del caso specifico, sono dotate di rinforzi per correggere i punti di appoggio. Inoltre, l’ortesi aiuta ad assorbire le onde d'urto della camminata e a riequilibrare il peso sorretto dalle ginocchia e dalla schiena. L'uso di plantari ortopedici va di pari passo con una scarpa larga, che evita la compressione dell'avampiede, al fine di limitare l'aggravamento dei problemi.

Nei casi più avanzati, si può prendere in considerazione l'uso di talloniere per bloccare il retropiede o anche la caviglia, arrestando così il dolore.

Il trattamento ortopedico è spesso combinato con la fisioterapia per ottimizzare il trattamento stesso.

Riabilitazione del piede piatto in fisioterapia

La riabilitazione del piede piatto può essere raccomandata in due ipotesi:

  • Come trattamento conservativo per deformità lievi. Essa limiterà la progressione della deformità e allevierà il dolore del paziente.
  • Può essere necessaria anche dopo un intervento chirurgico, per recuperare la normale deambulazione e favorire il processo di guarigione.

Per garantire una riabilitazione ottimale, il dott. Julien Lopez consiglia di sottoporsi a sedute di fisioterapia.

Le sedute con uno specialista consentono di rendere più flessibile l’arco plantare e di rafforzarlo. Contribuiscono a stimolare l'attività e a rafforzare i muscoli che sostengono il piede, in particolare l'arco longitudinale mediale.

Gli esercizi di fisioterapia includono spesso movimenti di flessione ed estensione, nonché stiramenti del tendine di Achille e del polpaccio. Il metodo di stretching delle catene posteriori è molto utile, così come il rafforzamento del muscolo del tendine tibiale posteriore.

Per il piede piatto valgo, la riabilitazione dopo un intervento chirurgico è essenziale per ripristinare l'ampiezza dei movimenti del piede, la forza muscolare e il corretto appoggio plantare. La fisioterapia continua fino a quando si registrano progressi nella funzionalità.

La chirurgia non invasiva come ultima risorsa

Se il trattamento non chirurgico non è sufficiente, si può prendere in considerazione un’operazione. Quando è sintomatico, il piede piatto valgo è invalidante e doloroso nella vita quotidiana. L'intervento può comportare la ricostruzione dell'arco mediale del piede. Si tratta di un tipo di chirurgia difficile e complessa, che spesso comporta diverse procedure come l'allungamento dei tendini e le osteotomie. Essa permette di correggere il retropiede, il mesopiede e l'avampiede. Nel piede piatto valgo avanzato o artrosico, le correzioni vengono effettuate mediante artrodesi (fusione chirurgica delle articolazioni). L'obiettivo è avere un piede facile da calzare e privo di dolore.

Il dottor Julien Lopez ti segue in ogni fase del percorso di cura fino alla guarigione del tuo piede piatto.

icon information

Le informazioni contenute in questa pagina sono fornite a titolo indicativo e si riferiscono a casi generali: la vostra situazione è specifica.

Il dottor Julien Lopez, chirurgo ortopedico del piede a Nizza, vi dà il benvenuto e vi consiglia l'aponeurosi plantare.

Fissare un appuntamento

icon téléphone
icon mail
icon pin localisation
Appuntamenti online